Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola!

postato in: News Story | 0

Quante volte siamo rimasti in silenzio per paura? Quante volte non abbiamo fatto una scelta o abbiamo scelto ciò che conoscevamo perché quello che non conoscevamo ci faceva paura? Tante, forse troppe volte, ma non ci rendiamo conto che da 20 anni a questa parte, abbiamo scelto di avere Coraggio! Ci vuole coraggio per poter cambiare e Paolo Borsellino e la sua scorta,  Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, lo sapevano. Lo sapeva Paolo Borsellino quando parlava della sua Palermo: “Palermo non mi piaceva, per questo ho imparato ad amarla. Perché il vero amore consiste nell’amare ciò che non ci piace per poterlo cambiare”. Lo sapeva quando nel 1985, Nini Cassarà gli aveva detto: “Convinciamoci che siamo dei cadaveri che camminano” e che dopo la morte dell’amico e collega Giovanni Falcone, in un’intervista Paolo Borsellino riprende questa frase e la riporta in una visione ottimistica. Lo sapevano i ragazzi della scorta che erano tutti i giorni con lui. Lo sapeva anche Antonino Caponnetto quando, per paura, ha pronunciato le parole: “E’ finito tutto!” dopo la morte di Borsellino. Lo sapevano tutti e lo sappiamo anche noi cos’è che ha legato tutte queste persone tra loro e ci ha fatto legare a loro: è il loro credere nel lavoro che fanno, è l’aver creduto in loro ed il continuare a credere in loro, è la nostra voglia di sapere, la nostra voglia di far camminare ancora le loro idee sulle nostre gambe, ma soprattutto è la voglia di GIUSTIZIA che ci ha legato a loro per questi venti anni! Nel 2006 la nostra Associazione di Volontariato “Pozzo di Giacobbe” – onlus ha festeggiato i 20 anni dalla nascita di essa con un libro dove tutte le persone passate in quei 20 anni hanno potuto dire qualcosa sul “Pozzo”. Questo libro si chiama “Venti di Vita”, un piccolo gioco di parole per dire che sono passati si 20 anni, ma anche dei venti che hanno portato aria nuova all’interno dell’associazione. E allora che anche questi 20 anni passati, non siano da commemorare, ma siano 20 anni di venti nuovi che ci hanno dato vita, la loro, per non avere paura, ma, uniti, avere CORAGGIO!

Lascia un commento


− 1 = uno