Legàmi – voci da Scampia – parte 3

postato in: Attività, Blog | 0

Questo posto non deve morire

Le parole di Martina P.

È una sensazione strana.. È come se tutto il tempo trascorso lontano da qui non fosse realmente passato.. Ma in realtà la vita di quei bambini è andata avanti.. E trovi colori sempre nuovi, piccole sfumature importanti.

Si, forse il primo impatto è sempre forte, ma poi ti lasci andare e ti emozioni.. ti si riempie il cuore. Quel cuore che a volte sente il bisogno di scappare dalla solita monotonia e andarsi a rifugiare in una normalità diversa dalla sua.
E riscopri gli abbracci.. lunghi.. veri.. sentiti. .che parlano, senza il bisogno delle parole!
Impari. Quando vieni qui non puoi far altro che imparare. Imparare la vita.
Con la speranza di aver lasciato a loro anche solo una piccola parte di quello che loro hanno dato a te, da qui riparti sempre carico di belle emozioni, di nuove speranze e consapevolezze.

Ascolti storie, incontri sorrisi, inciampi negli sguardi. Ognuno ti lascia dentro qualcosa di importante. Quel qualcosa che, se ne fai buon uso, sarà un bene prezioso da custodire.

In questo viaggio, come negli altri, ho avuto più volte gli occhi pieni di lacrime..che sia per gioia, per rabbia o per senso di inutilità.

Nei giorni seguenti ti fermi a pensare.. chiudi gli occhi e la rivedi, come se fossi ancora lì,  affacciata alla finestra del settimo piano di quel palazzo.. è così ferma e caotica.

È difficile descrivere quello che provo mentre sono lì, le emozioni non sono mai chiare..ho sempre un caos dentro.

Il tempo che trascorri lì non è mai abbastanza, non è mai vuoto, non è mai scontato..c’è sempre molto altro oltre quello che vedi.

Poi incontri “il maestro”, come dicono loro, uno che di strada ne ha fatta e parecchia..uno che ha saputo sporcarsi le mani..uno che sul viso porta le rughe dell’esperienza. E ti parla di punti di fuga, prospettive, orizzonti e punti di vista..te sei lì che lo ascolti estasiato e con tutta la naturalezza possibile ti fa comprendere ciò che ti circonda.

Da questa breve ma intensa esperienza porto con me quei piccoli occhi brillanti azzurro cielo che mi hanno fatto battere forte il cuore e che mi hanno fatto emozionare!

Centro Insieme

 

Lascia un commento


cinque + = 11