Frutti di impegno

postato in: Attività, Blog | 0

Stamattina ci siamo alzati presto perché oggi, 22 marzo, è una giornata importante. Oggi si va a Latina, per partecipare alla “XIX giornata della memoria e dell’impegno” organizzata dall’associazione Libera, una marcia colorata e pacifica in ricordo di tutte le vittime innocenti delle mafie. Quest’anno il tema è “Radici di memoria, frutti di impegno”, per cui abbiamo preparato un sacco di spille a forma di frutta che porteremo addosso durante la marcia. Su ogni frutto è scritto il nome di una vittima. Una bella metafora.

Alle 4:30 ci siamo ritrovati in piazza Aldo Moro, zaino in spalla e occhi abbottonati. Nessuno per la strada. Già qui si respirava il clima di eccitazione tipico di queste gite, in cui si ha voglia di partire per vivere e condividere insieme agli altri le emozioni di una giornata di così grande impegno sociale. Si parte, con due autobus pieni di giovani, pieni di vita.

Eccoci, siamo arrivati. Il viaggio è stato più lungo del previsto per cui abbiamo camminato poco, una marcia un po’ ristretta. Però il corteo lo abbiamo visto bene..tutte quelle persone, più di 100.000 dicono i giornali, tutti lì per lo stesso motivo, con la stessa forza, a manifestare la propria fondamentale presenza. Ad aprire il corteo i familiari delle vittime, che portano sul petto le foto dei propri cari, facendoli camminare con noi.

La folla si riversa nella piazza principale di Latina dove da un palco alimentato a pedali da volenterosi ciclisti, cominciano gli interventi. Vengono letti uno ad uno i nomi della circa 900 vittime, una lista lunghissima sorretta dal suono debole di un violino e una chitarra. Quella lista la senti fin dentro la pancia, ti muove gli organi dall’emozione. Ogni nome è una storia, ogni nome è una vita spezzata. Impossibile non sentire la rabbia. Ma la cosa più bella e commovente di questa giornata è vedere tutta quella gente, è capire che allora la speranza c’è, perché siamo in tanti a non voler dimenticare quei nomi, siamo in tanti a non accettare di far finta di nulla. A Latina, in un territorio in cui la mafia si fa sentire, oggi ci siamo noi, a ricordare le persone che hanno provato a reagire, che hanno cercato di cambiare le cose e così hanno cambiato il mondo. Fa caldo, c’è il sole. Credevamo piovesse e invece no.

Ieri il papa, che da Roma ha parlato ai mafiosi dicendo di convertirsi e di smetterla di fare il male, e oggi noi, qui, insieme. Sono passi importanti quelli di oggi.

La lettura finisce lasciando un secondo di silenzio. Poi parte un applauso lunghissimo colmo di rispetto.

Un applauso lunghissimo.

Lascia un commento


× otto = 40